01- Gennaio

1-1-1871: Viene costituito a Bari il 9° Reggimento Bersaglieri. La sede è nell’ex convento di Santa Scolastica sulla Muraglia.

1-1-1959: La Biblioteca Consorziale «Sagarriga Visconti Volpi» diventa Biblioteca Nazionale.

1-1-1982: In diecimila, con l’Arcivescovo Mariano Magrassi, in corteo per la pace e contro ogni violenza per le strade della città.1-1-2002: In quindicimila (molto meno dello scorso anno) festeggiano in Piazza Libertà (Prefettura) tra musica e fuochi d’artificio nonostante il gelo. Per i botti, fortunatamente, solo diciassette feriti. Il primo nato è un settimino di nome Nicholas, pesa 1.980 grammi è nato alle ore 3:45 del 1° gennaio nell’Ospedale di Venere. I genitori, entrambi baresi sono Maria Gadaleta e Domenico Costantino.

2-1-1993: Abbondante nevicata. Bari è tutta coperta di bianco. In alcuni quartieri periferici la neve supera i 40 centimetri.

2-1-2000: 1ª Marcialonga Nicolaiana. Partecipano seicento persone con finale un tuffo in mare alla spiaggia libera «Pane e Pomodoro».

2-1-2002: Assalto alle banche e uffici postali per il cambio moneta «Lira-Euro» in funzione dal 1° gennaio. Pagate le prime pensioni in Euro. Lunghe code agli sportelli, in alcune agenzie bancarie e postali è intervenuta la Polizia.

3-1-1935: Viene rappresentata al Teatro Petruzzelli la “Manon Lescaut” di Giacomo Puccini. Interprete, il soprano barese Licia Albanese.

3-1-1951: Al rione Picone, in casa «Caleno», con successo viene visitato il grande presepe con ben 416 statue tutte scolpite.

3-1-1963: Solakov, il pilota bulgaro caduto presso Acquaviva, viene scarcerato perché non riconosciuto spia.

4-1-1816: Bari chiede la riconferma in carica del sindaco Luigi Tanzi che si distingue per il suo zelo scongiurando il pericolo della peste in città, mentre il morbo infieriva a Noicattaro e sulla sponda dalmata.

4-1-1920: Grande mercato in Piazza San Ferdinando di piante ornamentali per camera, viali, ville e vendita di alberi da frutta.

4-1-1957: Bari raggiunge il suo trecento millesimo abitante. Il suo nome è Arcangelo Ladisa.

4-1-1984: Jerry Lewis, il popolare comico americano al Politeama Petruzzelli con uno spettacolo tutto fare.

5-1-1251: Il conte di Molise, accompagnato il corpo dell’imperatore Federico, al ritorno vuole fermarsi a Bari per fare atto devoto a San Nicola.

5-1-1962: In funzione per la prima volta il servizio nettezza urbana al quartiere C.E.P. (Centro Edilizia Popolare).

5-1-1973: La Giunta comunale approva il progetto dell’acquedotto Pugliese relativo alla costruzione della rete fognante nei quartieri di Fesca e San Girolamo. Costo 280 milioni che saranno ripartiti fra Comune e «Cassa per il Mezzogiorno».

5-1-2001: Rissa nella Cattedrale, molti fedeli rimangono fuori del Duomo per salutare il Giubileo.

6-1-1928: Inaugurazione della grandiosa sede «FIAT» a Bari in Via Garruba angolo Via De Rossi.

6-1-1951: Inaugurazione del nuovo complesso edilizio «Villaggio del Fanciullo» in Piazza Giulio Cesare.

6-1-1968: Viene abolita la festività dell’Epifania, ma in molte scuole le aule sono vuote. La tradizione della Befana resiste alla “nuova austerità”.

6-1-2001: Bari baciata dalla fortuna. Il 2° premio da cinque miliardi della «Lotteria Italia» venduto in una tabaccheria di Via Manzoni angolo Piazza Garibaldi. Altri premi: Uno da 100 e due da 50 milioni arricchisce il super premio.

7-1-1642: Muore in Napoli, Padre Antonio Beatillo, storico e teologo barese.

7-1-1911: Inaugurazione della Biblioteca dell’Università Popolare. La sede è in Corso Vittorio Emanuele II 169.

7-1-1956: Un ignoto benefattore dona un milione di lire all’ «Ospedaletto dei Bambini».

7-1-1983: La scuola media «Trieste» ubicata a lato della Basilica è intitolata al Santo Patrono.

8-1-1400: Re Ladislao in un editto determina i limiti territoriali di Bari, dando precisa cognizione dell’espansione della città d’allora.

8-1-1899: Viene inaugurato l’«Istituto Regina Margherita di Savoia» in Corso Cavour angolo Via Zuppetta (oggi il nuovo Istituto è in Corso Benedetto Croce angolo Via Sabotino).

8-1-2005: Muore al rione Enziteto, una bimba di sedici mesi. La madre e il convivente l’hanno fatta morire di fame e di freddo.

9-1-1937: Inaugurazione del 1° sabato «Teatrale Fascista» organizzato dal Dopolavoro Provinciale al Politeama Petruzzelli, con l’opera “Amico Fritz” di Pietro Mascagni, per agevolare le categorie sociali che non possono frequentare grandi manifestazioni artistiche, pagando un biglietto popolare.

9-1-1962: Successo al Teatro Piccinni del basso barese Andrea Mongelli ne «Il Piccolo Marat». Nell’occasione, il cantante, è stato premiato con una medaglia d’oro per i suoi 40 anni di teatro.

9-1-1966: Inaugurazione al Molo Pizzoli, dell’Acquario del Laboratorio Provinciale di Biologia Marina, unico nel suo genere per le regioni del basso Adriatico.

10-1-1711: Nasce a Bari il musicista Gaetano Latilla, zio di Niccolò Piccinni.

10-1-1963: Un violento incendio devasta i depositi della “SICA” al quartiere Madonnella.

10-1-2005: Muore l’avvocato Achille Tarsia Incuria, uno dei massimi esponenti della classe forense barese. Nato a Conversano nel 1912, fu vice sindaco di Bari nella Giunta Chieco e presidente del «Circolo Unione» per oltre trent’anni.

11-1-1710: Nasce Niccolò Putignani, storico, filosofo e letterato. (morì a Bari il 19 marzo 1795).

11-1-1933: Inaugurazione delle «Autolinee della Sud-Est».

11-1-1934: Torre Pelosa (Torre a Mare) viene aggregata al Comune di Bari.

11-1-1985: La facoltà d’Economia e Commercio inizia l’attività didattica e scientifica nel nuovo complesso universitario sorto in Via Camillo Rosalba. La vecchia sede era in largo Fraccacreta di proprietà comunale.

12-1-1925: Muore a Milano il pittore barese Raffaele Armenise. Dipinse il telone del sipario, le decorazioni della volta della sala e il foyer del Teatro Petruzzelli. Nacque a Bari il 19 marzo 1852.

12-1-1958: Viene pubblicato il 1° numero de “Il Salotto Culturale”. Periodico di storia, foclore, lettere e arti. direttore Antonio Gambacorta.

12-1-1967: Inaugurazione del Palazzo di Giustizia in Via Ettore Fieramosca e apertura dell’anno giudiziario alla presenza dell’on. Aldo Moro, presidente del Consiglio.

13-1-1464: Bari ottiene considerevoli privilegi dal Re Ferrante.

13-1-1983: Il presidente della Repubblica, Sandro Pertini, al Castello Svevo inaugura la mostra del gran pittore francese George Braque.

13-1-1985: Scoprimento e benedizione della statua di San Giovanni Bosco eretta davanti alla Chiesa del Redentore grazie alle offerte dei parrocchiani e degli amici dei salesiani.

13-1-1992: Daniela Mazzucca, segretario del P.S.I. è la prima donna eletta Sindaco di Bari.

14-1-1906: La «Società Elettrica Barese» inizia l’esercizio della fornitura di energia elettrica ai privati.

14-1-1969: Inaugurazione della nuova sede dello «Sporting Club» ubicata su un’ala a destra del Cine-Teatro Margherita.

14-1-1975: L’edicola “Padreterno” in Corso Sicilia viene rimessa a nuovo e salvata  dal cemento. Era ed è testimonianza della religiosità popolare.

15-1-1925: Sorge a Bari l’«Università degli Studi». Sono presenti il principe di Udine, il ministro Fedele e il sottosegretario Panunzio. Primo rettore, il prof. Nicola Pende.

15-1-1928: Il «Bari F.B.C.» conquista per la 1ª volta il titolo per entrare nella divisione nazionale serie A.

15/01/1977: Debutto al «Teatro Purgatorio» la commedia dialettale barese di Vito Maurogiovanni «Aminueamàre». Gli attori: Gianni Ciardo, Mariolina De Fano, Nicola Pignataro, Lino Spadaro e Carmela Vincenti. Scelte musicali, Piero Luisi. Luci, Nico Anelli. Allestimento scenografico, Attanasio Sarcina e Mary Armenise. Regia di Michele Mirabella.

16-1-1728: Nasce da Onofrio Piccinni e da Silvia Latilla, alle ore 21.00, il futuro musicista barese Niccolò Piccinni.

16/01/1950: Nella sala consiliare del Municipio viene organizzata, dall’Università Popolare, una serata dedicata alla poesia dialettale. I versi declamati sono dei poeti presenti: Antonio Nitti, Giuseppe Lembo e Peppino Franco.

16/01/1985: Per i tipi delle Edizioni Levante Bari, esce il «Dizionario della Lingua Barese» del poeta e decano della Federcommercio barese Giuseppe Romito.

17-1-1961: Ritorna a vivere la tradizionale festa di «Sand’Andè»: primo giorno di Carnevale e benedizione degli animali a Bari Vecchia.

17-1-1980: Successo di pubblico sotto il Fortino di Sant’Antonio abate per la tradizionale benedizione degli animali. Più di trecento persone fra gente comune, scolaresche, curiosi e proprietari di animali (cani, gatti, uccelli, scimmiette e pecore) hanno ridato lustro alla festa di “Sand’Andè”. Non accadeva da anni.

17-1-1992: Dopo circa vent’anni viene riaperta al culto la chiesa di San Gaetano nell’omonima strada della città vecchia, con la celebrazione della messa presieduta dall’arcivescovo mons. Mariano Magrassi.

18-1-1956: Il sarto barese, Emanuele Manzari, sfidando l’incredulità dei colleghi d’Italia, confeziona un abito da uomo di taglia media “48” con metri di stoffa 1,83 al posto del normale taglio di stoffa di metri 3.

18-1-1986: Muore a Roma il senatore del «M.S.I.-DN» Araldo Di Crollalanza all’età di novantatre anni. Fece di Bari, negli anni ’20/’30 una grande, bella, pulita città. La salma arriva a Bari dopo due giorni. Una folla imponente di baresi e pugliesi gli rende l’ultimo omaggio.

18-1-2002: Muore Francesco Saverio Lonero, ex presidente dell’E.p.T. e inventore del “Maggio di Bari”. Nacque a Bari nel 1914.

18-1-2005: La Cattedrale apre alla città dopo due anni di restauro grazie a un milione e mezzo di euro ottenuti dai fondi del gioco del Lotto.

19-1-1844: Nasce a Bari Salvatore Cognetti De Martiis, economista, sociologo, giornalista, letterato. Morì a Roma l’otto giugno 1901. Bari gli ha dedicato una via al quartiere Madonnella, un busto in Piazza Garibaldi e una lapide sulla facciata della casa dove nacque, a fianco la chiesa Sant’Anna nella città vecchia, in ricordo del 2° anniversario della sua morte.

19-1-1924: Inaugurazione del 1° grande «Albergo Diurno» in Corso Vittorio Emanuele II.

19-1-1995: Dopo «Villa Santina» viene demolita «Villa Gargano» in Via Giulio Petroni.

20-1-1961: «La Gazzetta del Mezzogiorno» lancia l’appello per Gianfranco Fallacara, il bambino con il cuore a destra. I pugliesi si mobilitano per salvarlo. L’11 di febbraio avviene l’operazione a Torino. Il dott. Dogliotti, che lo opera, annunzia che l’operazione è perfettamente riuscita.

20-1-1968: Un barese su tre resta sotto le coperte per l’influenza. Una vera e propria epidemia nella città.

20-1-1983: Alla stazione di Bari giunge il treno con un convoglio dedicato ai costumi di Marco Polo. Migliaia di studenti e cittadini visitano con molta curiosità il treno «Il Milione».

21-1-1897: Si apre al pubblico la «Biblioteca Sagarriga Visconti Volpi».

21-1-1970: Muore Leopoldo Laviosa, giornalista e poeta dialettale barese.

21-1-1999: Muore all’età di sessantadue anni, il prof. Attilio Alto, primo rettore del Politecnico di Bari.

22-1-1945: Inaugurazione del «Cinema Teatro Adriatico» (già Kursaal Santalucia; già Dopolavoro Forze Civili) con il film : “Eroe per forza” con E. Brown e S. Travis, segue la rivista. La nuova denominazione dura solo per due giorni. Il 24 il Cine-Teatro ritorna con l’originale nome «Kursaal Santalucia», Via Cognetti 66.

22-1-1974: Ignoti ladri rubano armi e medaglie al «Museo Storico» in Largo Urbano II aprendo un foro in una parete.

22-1-1983: Vengono trasferiti dal carcere Poggioreale di Napoli al carcere di Bari, settanta detenuti camorristi. Il sindaco Franco De Lucia chiede garanzie al Ministero di Grazia e Giustizia.

23-1-1956: San Nicola viene proclamato Patrono della Marina Mercantile.

23-1-1973: Il maestro Bruno Campanella, barese, esordisce felicemente al Teatro «La scala» di Milano dirigendo “La cambiale di matrimonio”.

23-1-1985: Dopo tre anni di scavi ritorna alla luce l’antica basilica di Santa Maria del Buon Consiglio nel centro storico, con l’abside semicircolare, le otto colonne che seguono la navata centrale e il mosaico.

24-1-1814: Nonostante l’opposizione del consigliere Paternostro viene stabilito di adibire la chiesa degli ex gesuiti a teatro.

24-1-1985: Inaugurazione alla Fiera del Levante della prima edizione della rassegna «Tecnorama Ufficio», salone specializzato dell’informatica e della telematica.

24/01/1967: Al San Paolo 700 case popolari sono pronte, ma non vengono assegnati. Il presidente dell’«I.A.C.P.» dott. Donatelli da tempo ha segnalato il caso all’attenzione del Presidente del consiglio, on. Moro e del Ministro dei LL.PP.

25-1-1855: Con deliberazione dell’otto e del venticinque gennaio, al Teatro viene dato il nome di Piccinni dopo che erano riusciti vani i tentativi per chiamarlo «Conte di Bari» «Real Teatro Maria Teresa» e «Teatro del Municipio».  

25-1-1967: Migliaia di genitori formano lunghe code dinanzi agli ambulatori comunali per la vaccinazione “Le nzìte” antipolio dei bambini dai 4 mesi a 14 anni.

25-1-1989: Muore il poeta dialettale barese Vito De Fano. Nacque a Lecce il 20 giugno 1911 dal barese Giuseppe e da Maria Ruggio di Otranto.

25-1-1998: Muore il poeta dialettale barese Vito Barracano. Nacque a Bari il 29 settembre 1924.

26-1-1691: In Bari si verifica un altro caso di peste provocato da Tommaso Renda che aveva accolto in casa un’appestata di Conversano.

26-1-1919: Inaugurazione del «Museo Storico» nei locali del «Teatro Margherita».

26-1-1970: Bari viene divisa in diciassette quartieri tra i quali annovera in maniera distinta le frazioni di Carbonara, Ceglie, Loseto, Torre a Mare, Palese, Santo Spirito.

27-1-1859: Giunge a Bari Re Ferdinando II.

27-1-1888: Nasce il musicista Pasquale Di Cagno (morto il 27-10-1965 a Milano). compose «Frida» opera data il 1924 al «Petruzzelli» e musica strumentale.

27-1-1985: Primo assaggio del derby barese nel Foot Ball Americano al campo sportivo «Angelo De Palo». Vince il Roosters contro il Grasshopper per 2-0. Un anticipo per l’iscrizione alla serie «C».

28-1-1944: Si tiene il “Primo Congresso dei Comitati di Liberazione Nazionale” nel Teatro Piccinni.

28-1-1978: La cantante barese Anna Oxa vince il XXIII Festival di Sanremo, con la canzone «Un’emozione da poco».

28-1-1986: Due «super nonnine» baresi: Crocifissa De Carlo e Vitantonia Colucci nei giorni scorsi hanno compiuto 103 e 100 anni.

29-1-1927: Inaugurazione dell’«Automobile Club Barese». La sede è in Via Abate Gimma, al 1° piano del Palazzo Iannuzzi.

29-1-1953: Nel cielo di Bari viene notata a occhio nudo il fenomeno dell’eclissi lunare.

29-1-1962: Lo «Jasi», un mercantile rumeno, s’incaglia in una notte di tempesta sulla scogliera di San Cataldo.

30-1-1924: Prima al Teatro Petruzzelli dell’opera «Piccolo Marat» di Pietro Mascagni diretta dall’autore.

30-1-1970: Si scopre in città un grosso giro di ladri d’automobili, favoriti dall’omertà delle stesse vittime, le quali, per riavere l’auto, pagano tangenti.

30-1-1999: Neve e gelo in città e provincia non colgono i cittadini impreparati. Più problemi nel nord barese.

31-1-1809: Gioacchino Murat, con la riforma introdotta nell’amministrazione del Comune, elegge per la prima volta un sindaco anziché due o addirittura tre, com’era sempre avvenuto in precedenza.

31-1-1987: Inaugurazione del doppio binario sino al rione Mungivacca della ferrovia Sud-Est.

31-1-2000: Inaugurazione, a Loseto, della nuova chiesa dedicata a San Salvatore. La prima opera in Europa, inaugurata nel nuovo millennio, progettata dall’architetto, Ottavio Di Blasi.