03 – Marzo

1/03/1932: Messa in vendita un nuovo tipo di sigaretta denominata «Moresca». Una sigaretta costa 15 centesimi.
1/03/1947: Viene ricostruita dopo la parentesi della 2ª guerra mondiale, l’«Università Popolare». Eletto presidente Donato Scaramuzzi. L’inaugurazione avverrà il sei marzo.
1/03/1953: Alla presenza del presidente della repubblica, on. Luigi Einaudi, Bari rende omaggio alle 5.000 salme di caduti in Grecia.
1/03/1980: Diventa obbligatorio il rilascio delle Ricevitorie Fiscali nei ristoranti, pizzeria ed alberghi.
2/03/1912: Domenico Zonno impianta a Bari il 1° forno meccanico.
2/03/1927: La città è ripartita in quattro quartieri. 1°) Quartiere Murattiano, 2°) San Nicola: Bari Vecchia, 3°) Quartiere del Littorio: rione suburbano del Picone, 4°) Quartiere di Carrassi e San Pasquale.
2/03/1957: Inaugurazione de «Il Veglionissimo della Stampa» giunto alla 31ª edizione. Ospite l’orchestra del m° Pippo Barzizza.
2/03/1963: Muore, all’età di 77 anni, il poeta dialettale, Nicola Macina, meglio conosciuto con lo pseudonimo «Nicmac».
2/03/2005: Superenalotto. «5+1» da capogiro che fa vincere sei milioni di euro. Colpo grosso diviso fra 19 giocatori. La schedina è stata giocata nella tabaccheria-Lotto De Sessa in Viale Imperatore Traiano 8/a.
3/03/1803: Cade su Bari una pioggia di polvere detta dal popolo “pioggia di sangue”.
3/03/1987: Biglietto vincente da un miliardo della lotteria di «Carnevale di Viareggio» venduto a Bari con la serie «R75170». Il fortunato tagliando acquistato, nell’edicola di Paolo Tamburello di fronte al Palazzo delle Poste è anonimo.
3/03/2002: Inaugurazione del mercato coperto in Corso Mazzini. Presenti il Sindaco di Bari, Simeone Di Cagno Abbrescia e alcuni assessori comunali. L’inaugurazione è stata allietata dal gruppo folcloristico “U Sciarabbàlle” e dall’anziano poeta dialettale Enzo Migliardi.
4/03/1911: Il “Bari F.B.C.” veste i colori nero e verde con lo stemma di Bari.
4/03/1926: Il «Corriere delle Puglie» riporta un servizio sulle solenni onoranze tributate alla salma del Grand’Uff. Emanuele Fizzarotti, morto a Roma il 1° marzo, proprietario del palazzo omonimo costruito in stile gotico-veneziano ubicato in Corso V. Emanuele II.
4/03/1938: Crollo di un’ala dell’«Albergo Risorgimento» ubicato in Via Vittorio Veneto (Via Sparano).
4/03/1973: “Strascenàte, brasciòle e carteddàte” ovvero la tipica cucina barese fa il giro del mondo grazie ai coniugi Anna e “Mbà Pèppe” Lagrasta del ristorante “Vecchia Bari”. La signora Anna a Tokio, è premiata con una targa ricordo.
5/03/1940: Vincite a lotto per circa 300 mila lire con i numeri di Sant’Antonio abate: 4-6-17-20-81, nel banco lotto n° 6 di Piazza Castello.
5/03/1958: Il 1° martedì di marzo da ben tredici secoli, è festeggiata nella Cattedrale di Bari, SS. Maria di Costantinopoli, nominata anche Madonna d’Odegitria, detta anche dal popolino “La Madònna ggnore” o “Madònne du u-acìidde”.
5/03/1967: Posa della prima pietra per un nuovo quartiere residenziale con trecento alloggi al rione Iapigia su un’area comunale. La zona è prevista dalla legge 167 sull’edilizia economica e popolare.
5/03/1988: Inaugurazione della mostra «Bari dalle origini al X secolo» nel complesso universitario di Santa Scolastica nella città vecchia. La mostra durerà tre mesi con record di presenze di visitatori.
5/03/2001: Il giovane fuoriclasse di Bari Vecchia, Antonio Cassano venduto alla Roma per 100 miliardi, più il giovane attaccante Gaetano D’Agostino. 60 mld. vanno alla società del Bari e 36 mld. al calciatore barese firmando un contratto di cinque anni.
6/03/1657: Con il primo martedì di marzo dedicato alla Madonna di Costantinopoli, dopo aver mietuto oltre settemila vittime nel popolo minuto e oltre cinquemila fra la gente agiata, cessa la peste a Bari.
6/03/1933: Grande manifestazione religiosa per il XII centenario della Madonna d’Odegitria. I festeggiamenti dureranno un anno.
6/03/1955: Inaugurazione della «Casa di Riposo» per i pensionati d’Italia (O.N.P.I.). Presente il sottosegretario al lavoro on. Armando Sabatini. È la quinta d’Italia e può ospitare 120 persone. La sede è in Corso Sicilia 515.
6/03/1961: Muore a Roma il Cardinale Marcello Mimmi, ex arcivescovo di Bari. La cittadinanza gli ha intitolato una strada al rione Picone.
7-3-1947: Il cinema-teatro «Margherita» riapre dopo la tragica parentesi della guerra con il film «Il pirata e la principessa».
7/03/1966: Interessante mostra del centenario della gloriosa Casa editrice «Laterza» nel palazzo della Camera di Commercio.
7/03/1967: Nel Consiglio comunale è approvato un mutuo di otto milione e trecento mila lire per la sistemazione dei posti di vendita dei frutti di mare “N-dèrr’a la lanze” (In terra la lancia).
7/03/1969: 77 famiglie della città vecchia ricevono le chiavi per le nuove case al C.E.P. Allo sgombero verranno murate le abitazioni nel centro storico.
8/03/1826: Essendo sindaco Tanzi, il Decurionato approva la spesa di 2.000 ducati per chiudere il vecchio macello situato nel pianterreno del monastero di Santa Teresa dei Maschi, e per aprire uno nuovo alle spalle del Castello. Questo macello funzionerà per 40 anni.
8/03/1963: Si bloccano le strade traversali di Via Andrea da Bari per permettere il trasferimento del tesoro di una banca dalla sede provvisoria a quella del nuovo edificio.
8/03/1976: 200 mila assegni da 100 lire vengono distribuiti ad un centinaio di aziende commerciali della città e della provincia, in mancanza di soldi spiccioli. L’iniziativa parte dal Banco di Napoli e dalla Federcommercio.
8/03/1977: Tafferugli tra i lavoratori dell’azienda «Hettermarks» e polizia. Sette i feriti del quale il più grave è il fotoreporter Luca Turi.
9/03/1908: Il «Corriere delle Puglie» scambia una conversazione telefonica con il compartimento dei telefoni di Bologna, esperimentando la nuova linea Bologna-Bari.
9/03/1952: Inaugurazione del busto dedicato a Giuseppe Mazzini, donato dalla città di Carrara a Bari situato nei giardini di Piazza Eroi del Mare.
9/03/1980: Inaugurazione dell’interessante mostra del pittore di Santeramo in Colle, Francesco Netti alla Pinacoteca Provinciale di Bari.
10/03/1953: Muore l’avv. Davide Lopez, grande poeta dialettale, autore di due opuscoli di grammatica dialettale barese «Le voci e le forme dell’idioma barese». Nacque a Bari il 19 novembre 1867.
10/03/1981: In Via Sparano inaugurazione della mostra «Bari Ritrovata» con vetrine di negozi allestite di “baresità”.
10/03/1987: A Bari si svolge il trofeo «Vincenzo Arcidiacono» di Karate internazionale. Vince la squadra italiana battendo la Germania Occidentale, la formazione del Cask pugliese (il centro di alta specializzazione) e l’Ungheria.
10/03/1999: Anche Bari è baciata dal “Superenalotto”. Nel Bar Cassano dei coniugi Rosa Renna e Mario Cassano, in Via Francesco Crispi 102, uno sconosciuto azzecca il “5+1” vincendo 5 miliardi e 700 milioni con una schedina di 28.000 lire.
11/03/1817: È imposto a Bari e ad altri comuni d’impiantare i cimiteri.
11/03/1954: Inaugurazione dell’edificio RAI-TV in Via Dalmazia.
11/03/1964: Il C.E.P. (Coordinamento Edilizia Popolare) è chiamato rione “San Paolo”.
11/03/2001: 1ª edizione di «Bari in corsa rosa», gara podistica di rappresentanti del gentil sesso.
12/03/1668: Nasce a Bari Giacinto Gimma, primo a disegnare la storia dell’Italia letterata. Una strada gli è stata intitolata nel borgo Murattiano-Libertà (da Corso Cavour a Via Pietro Ravanas).
12/03/1911: Muore Giuseppe Pezzarossa, pioniere dello sport barese. Fondò nel 1888 la “Società Ginnastica Barese” e il 22 giugno 1899 organizzò il 1° incontro di calcio a Bari.
12/03/1927: Via Sparano cambia nome: Via Vittorio Veneto. Il 7 aprile 1959 ritorna l’originale denominazione.
12/03/1952: Dopo 44 anni la tranvia Bari-Ceglie del Campo lascia il posto alla filovia. Inaugurazione del filobus Bari-Carbonara-Ceglie con n° 4.
13/03/1926: Giunge a Bari l’ing. Olivetti per visitare le industrie baresi e per far visita alla città.
13/03/1928: I soci del «Bari F.B.C.» e dell’ «U.S. Ideale» si riuniscono per fondare la «U.S. Bari».
13/03/1975: Più della metà della popolazione dell’ex frazione Loseto (300 su 550 abitanti), si mobilitano in corteo al Comune e alla Regione per protestare contro la totale assenza di strutture nella zona. È la prima volta che un intero rione affolla le strade più trafficate della città.
13/03/1998: Muore l’imprenditore barese Giuseppe Calabrese all’età di 84 anni. Scompare un simbolo della storia industriale del Sud.
14/03/1867: Si pone la prima pietra dell’Ateneo.
14/03/1966: In una lunga seduta del Consiglio comunale, tutti d’accordo, opposizione e amministrazione, per la biblioteca comunale che sia aperta soprattutto nelle ore serali e di domenica complimentandosi con l’assessore Bradascio, per le particolari sensibilità verso i problemi della cultura. La delibera viene approvata all’unanimità.
14/03/1996: Si pubblica il 1° numero del quotidiano barese “La Città”. Direttore responsabile Giulio Mastroianni.
15/03/1808: Decreto di G. Bonaparte col quale si dispone la costruzione della Strada Bari-Lecce.
15/03/1947: Dopo il periodo forzato del 2° conflitto mondiale, la gloriosa società sportiva «Angiulli», con un’assemblea generale, nella palestra di Via Ettore Fieramosca, riprende l’attività.
15/03/1974: Prima, al «Piccolo Teatro» dello spettacolo in dialetto barese “Iàrche Vassce” di Vito Maurogiovanni e Nicola Tabascio. Diretto da Eugenio D’Attoma. Regia di Michele Mirabella. Gli attori sono: Mario Mancini, Nietta Tempesta, Nicola Tabascio, Mariano Leone, Carmela vincenti, Gianni Memeo, Dino Romita, Marcello Capozza. Commento musicale di Gianni Giannotti.
15/03/1986: All’Expolevante, in tre mostre, riappare la Bari degli anni Venti «Com’eravamo»: urbanistica, pubblicità commerciale, vecchie cartoline, testimonianze ed immagini di una città quasi perduta.
16/03/1952: Inaugurazione in Via Oriani, la sede della Corte d’Assise e d’Appello.
16/03/1954: Il cane “Fiorino” venduto da un lustrascarpe di Corso V. Emanuele II, a un camionista di Bologna, “ritorna a piedi” a Bari dal suo padrone che lo terrà con sé fino alla morte, avvenuta il 1° aprile 1963.
16/03/1965: Padre Igor è il nuovo rettore della Chiesa russa, prima era ingegnere.
16/03/1978: Rapito, dalle Brigate Rosse, l’on. Aldo Moro. I brigatisti uccidono cinque poliziotti di scorta. Manifestazioni di protesta contro la democrazia italiana, si succedono in tutte le città e paesi d’Italia.
17/03/1956: Per la prima volta, il maestro barese Biagio Grimaldi dirige il suo «Trittico» nella chiesa di San Domenico.
17/03/1962: Per l’arricciatura dei polpi, “N-dèrr’a la lanze”, il Comune fa costruire una piattaforma di oltre 20 metri quadrati, costo 150 milioni. I pescatori non sono d’accordo perché dicono «I polpi si arricciano meglio se sono battuti su pietra calcarea».
17/03/1964: Al Teatro Petruzzelli trionfa la cantante lirica barese Licia Albanese, per un recital di successo.
17/03/2002: Muore a 41 anni Sara Fumai, barese. Insegnava inglese ai bambini di scuola materna in Bari Vecchia. Muore a causa di una tromboflebite dopo un’inseminazione artificiale. Donati cornei, reni e fegato.
18/03/1967: Inaugurazione della nuova sede della biblioteca «Ricchetti» in Via Sparano.
18/03/1970: La “Gazzetta” pubblica una interessante lettera scritta dal dott. Vito Barracano, poeta dialettale barese, il quale propone di costituire un comitato di difesa del dialetto barese e dei baresi dopo aver notato che nelle trasmissioni radiofoniche e televisive della Rai viene falsato il dialetto di Bari per il gusto di far ridere.
18/03/1971: Litigano due coniugi per il figlio capellone. Il marito voleva imporre il taglio della chioma, la moglie, invece era contraria. Abbandona il tetto coniugale.
18/03/2000: Per due giorni (18 e 19), grazie alla sezione barese F.A.I. (Fondo per l’Ambiente Italiano), una società senza fine di lucro, migliaia di baresi scoprono i tesori della Chiesa russa rimanendovi incantati.
19/03/1852: Nasce Raffaele Armenise, pittore e autore dei teloni del Politeama Petruzzelli.
19/03/1935: Inaugurazione della «Pasticceria Napoletana» in Via Putignani 90 di Armando Scaturchio, napoletano doc. Nel dopoguerra la pasticceria la intitola “Il Sottano”.
19/03/1957: Zeppole e falò per i 45 mila Giuseppe. A Bari sono secondi solo a Nicola (50 mila), seguono al 3° posto Giovanni (40 mila), 4° posto a pari merito: Vito e Antonio (35 mila). In fila seguono tutti gli altri, sino ai nomi veramente “sdrèuse” (strani, equivoci).
19/03/1966: Inaugurazione dei nuovi uffici demografici in Piazza Luigi Di Savoia.
19/03/1972: Muore all’età di 91 anni Cesare Diomede Fresa, benefattore di Bari. Fece costruire fra l’altro, la scuola materna sorta nella città vecchia nel 1938 intitolata a suo nome.
20/03/1882: Inaugurazione del tronco ferroviario Bari-Bitonto della “Tranvia Bari-Barletta”.
20/03/1911: Vengono inaugurate le «Case Popolari» al quartiere Madonnella.
20/03/1987: Un camion che trasporta un grosso ed ingombrante macchinario, s’incastra sotto il cavalcavia all’uscita di Bari-Picone della tangenziale danneggiando pericolosamente il ponte di Via Bitritto.
20/03/1989: Inaugurazione in Via Amendola della nuova sede Poste e Telecomunicazioni. Presente il sottosegretario alle Poste, l’on. Sorice.
21/03/1971: La canzone “Il caffé della Peppina” scritta dal cantante barese Alberto Anelli con la partecipazione di A. Martucci, vince lo «Zecchino d’oro» cantata dalla piccola romana, Maria D’Amici di anni quattro.
21/03/1985: In scena al Petruzzelli «Carmen» di Bizet. Per la prima volta a Bari viene eseguita nell’originale lingua francese. Regia di Mauro Bolognini. Protagonisti: Grace Bumbry e Nunzio Todisco.
21/03/1997: L’atleta barese Francesco Bisceglie, mediomassimo di sollevamento pesi della «Società Angiulli», migliora il record nazionale juniores, sollevando 115 Kg. nella gara finale di Coppa Italia a Cosenza. Il precedente record resisteva dal 1954 con il peso di 112,500 Kg.
21/03/2002: Scoperte tombe e ceramiche del III e IV secolo A.C., una casa e una cava a Ceglie del Campo alle spalle della Chiesa della Madonna del Buterrito.
22/03/1927: Nasce Pasquale Sorrenti, poeta, scrittore, titolare di una libreria dal 1947 al 1993. Fra i moltissimi libri pubblicati, alcuni sono stati dedicati alla storia, alla musica, al folclore pugliese e al vernacolo barese.
22/03/1958: Alla presenza del ministro Aldo Moro, viene inaugurata, la nuova sede del Liceo Musicale “Piccinni” in Via Brigata Bari nell’ex villa Bucciero.
22/03/1963: Muore a Milano l’ing. Gennaro De Gemmis, noto bibliofilo e fondatore della biblioteca provinciale che porta il suo nome.
22/03/1967: Nasce il “Piccolo Teatro di Bari” in strada privata Borrelli, diretto da Eugenio D’Attoma. È la prima struttura teatrale decentrata a Bari.
23/03/1953: Per il Piano Regolatore, la “Gazzetta” pubblica una foto progetto per il ponte di Corso Cavour che allaccia il quartiere Murat con la zona sud di Bari. Altri due ponti sono previsti per Via Manzoni e via Brigata Bari.
23/03/1966: In Pretura, la dott. Livia Pomodoro di Molfetta di anni 25, è la prima donna in veste di Pubblico Ministero.
23/03/1986: Amaro debutto nel campionato di serie «B» di football americano della squadra «Trucks Bari» (fusione delle due società baresi: «Roosters» e «Grasshoppers»), sconfitta a Ravenna dal «Chiefs Ravenna» per 9 a 0.
23/03/2002: Inaugurazione della sala-teatro multifunzionale «L’Eccezione» allestita dallo scrittore e poeta Rino Bizzarro in Via Indipendenza 75.
24/03/1937: Viene impiantato il «Tubificio Scianatico».
24/03/1946: Inaugurazione del busto a Giuseppe Capruzzi in Piazza Garibaldi. Nacque a Bitonto il 19-05-1857, fu eletto sindaco di Bari per ben tre volte. Morì a Bari il 25-03-1912.
24/03/1951: Nella palestra del C.O.N.I. ubicata in Via Napoli, messa a nuovo, grande incontro fra Italia e Francia di pallacanestro femminile. Vince la squadra italiana con il punteggio di 45 a 36.
24/03/1999: L’aeroporto di Bari chiude per la guerra in Kosovo. Cancellati tutti i voli. I Baresi per volare vanno con bus-navetta a Napoli. L’aeroporto riaprirà dopo 24 giorni.
25/03/1844: Posa della prima pietra fondamentale per la costruzione della chiesa di San Ferdinando in Via Sparano.
25/03/1965: Dall’azienda «Calabrese» vengono esportati in Libia speciali automezzi destinati ai servizi di nettezza urbana. È un grande successo per l’industria barese.
25/03/1976: Nel «Centro Santa Teresa dei Maschi» il «Gruppo Cut» di Bari mette in scena: “Processo alla malavita barese” libera ricostruzione in tre atti e un prologo. Rielaborazione in dialetto barese di Antonio Padovano. molti sono gli attori, regia di Nico Anelli.
25/03/1999: Per la prima volta è celebrata in Piazza San Pietro la «Festa della Polizia». Il questore, Roberto Siciliano, riceve dalle donne di Bari Vecchia, un cesto di “Strascenàte”.
26-3-1937: S’incendia, alle ore 17.00, la cabina di proiezione al «Cinema Umberto», mentre si proietta il film: «Christi».
26-3-1955: Sono esaminati dall’Archivio di Stato di Bari un considerevole gruppo di documenti che parlano di 5 secoli di storia della Basilica di San Nicola.
26-3-1956: Viene premiato un aeromodellista, dott. Vincenzo Scardicchio, dell’«Aero Club» di Bari, detentore di un primato mondiale,
26-3-1999: Dagli scavi in Piazza del Ferrarese, nel corso dei lavori per l’arredo urbano viene scoperto i resti dell’antica porta della città.
27/03/1808: Il Sindaco di Bari viene facultato a studiare i provvedimenti per prosciugare il gran pantano «Marisabella».
27/03/1946: Muore stoicamente il generale Nicola Bellomo considerato “eroe” per aver salvato Bari dai tedeschi.
27/03/1957: Il pugile barese Gaetano De Lucia, allenato dal m° Francesco Portoghese, conquista a Torino il titolo italiano dei pesi “leggeri”.
27/03/1987: Arriva la bella notizia da Budapest. Trionfo azzurro per la Coppa del Mondo di karate. Sul podio il barese Lello Falco.
28/03/1565: Alcuni cittadini benestanti baresi, in considerazione che qualche abitante della città muore di fame per la strada a causa della carestia, spontaneamente mettono mano alla borsa per aiutare l’Università (Comune).
28/03/1945: Inaugurazione del Cinema Ferrovieri (già Dopolavoro Ferrovieri, già Cinema Italia) in Via Carlo Rosselli (oggi corso Italia), con il film: “Senza famiglia” con V. Marcoux e R. Lynen.
28/03/1987: Va in pensione Giuseppe Garofalo, simpatico signore di 80 anni, 70 dei quali passati ad aggiustare gli orologi pubblici.
28/03/1997: Per la 2ª volta la processione dei «Misteri» di San Gregorio esce dalla Basilica di San Nicola per solennizzare ancor di più le celebrazioni per l’VIII Centenario della dedicazione della Basilica (1197-1997).
29/03/1908: Si costituisce a Bari la prima società femminile di ginnastica denominata “Italia”.
29/03/1986: Anticipo d’estate “A la ponde” (al braccio del molo Sant’Antonio), San Cataldo, zona Fiera, San Girolamo, Palese, Santo Spirito e Torre a Mare. Temperatura piuttosto alta (21 gradi) incoraggia il primo approccio col mare e con la “tintarella”.
29/03/1998: Diecimila baresi col naso all’insù, sul Lungomare Nazario Sauro, per la festa dei 75 anni dell’Aeronautica.
29/03/1999: Il papa Giovanni Paolo II, apprezza l’Ulivo, dono della Regione Puglia. Da Bari sono stati donati sessanta mila ramoscelli.
30/03/1882: Inaugurazione al Piazzale Disfida di Barletta, angolo Via Ettore Fieramosca, della Ferrovia Bari-Barletta.
30/03/1904: La stampa locale pubblica la notizia che il celebre campione podista del mondo Orteque gareggerà al Campo S. Lorenzo con chiunque vorrà misurarsi con lui in corsa a piedi, in bicicletta o a cavallo. Si dice che un bello spirito lo abbia sfidato al tressette.
30/03/1929: Inaugurazione del «Politeama Barese» in Via Giovanni Bovio angolo Via Pietro Ravanas, con la “Compagnia del Pulcinella di Salvatore De Muto”. Primo teatro costruito con il tetto apribile.
30/03/2001: Per la prima volta i tifosi del Bari calcio scendono in piazza per protestare contro il presidente Vincenzo Matarrese, l’allenatore Eugenio Fascetti e il direttore sportivo Carlo Regalia. In Piazza Prefettura sono più di un migliaio a contestare la Società sotto una pioggia ininterrotta.
31/03/1949: Inaugurazione della motonave «Esperia» della società di Navigazione “Adriatica” nel porto di Bari, per la linea Italia-Egitto.
31/03/1969: Entra in funzione la grande «sala operativa» della Squadra Mobile della Questura, con un pannello che mostra la città, le frazioni, il suo circondario e la centrale telefonica “113”.
31/03/2005: Entra in servizio il nuovo aeroporto di Bari.