Aggettivo

12191626_1643072549305688_5929093118417956051_n[1]

L’aggettivo è quella parte del discorso che si aggiunge al nome per indicare una qualità o determinarlo con precisione.
Nel dialetto, generalmente, rimane invariato nel genere e nel numero: “u ciùcce sturne” (l’asino storno – bianco –); “le ciùcce / le ciòccere sturne” (gli asini storni). La sua collocazione segue l’uso.
Generalmente si pospone, ma si può farlo anche precedere al nome secondo i casi.
Si dirà “u ciùcce sturne”, ma mai “u sturne ciùcce”; mentre, si potrà dire “nu ciùcce bbuène” e “nu bbuène ciùcce”.

La sfumatura fra le due locuzioni è che nella prima il “bbuène” si riferisce alle qualità materiali dell’animale, mentre nella seconda, la qualità è spirituale e si può riferire a persona mite e laboriosa, mentre se riferita all’animale riguarderà solo il carattere di esso.
Il numero e il genere degli aggettivi va rilevato sempre dall’articolo e dal nome che l’accompagna perché la concordanza avviene sempre con quest’ultimo.
Molto importante è la norma che regola l’aggettivo o che precede il nome femminile singolare. Esso prende sempre in questo caso una ‘a’ alla fine del termine: “bbrutta bbrutte”, “bbrutta facce”, “bbèlla ggiòvene”, “povra ggiòvene”, “povra a ttè” (vuole la prep. ‘a’ davanti ai pronomi personali con ufficio di complemento), “povr’a mmè” (povero me), “no nge ngozze de fadegà, amar’a iìdde” (non ha volontà di lavorare, guai a lui), “mèssa pezzènde” (messa celebrata con gli oboli raccolti casa per casa), “carta suppe” (carta asciugante); “la cocchia cane” (l’accoppiamento canino – il sostantivo “cane” funziona da aggettivo –), “la cozza merènne” (merenda organizzata fra bambini); “castrate manarìne” (castrato domestico, cresciuto fra casa e orto); “male vèrme” (cattivo verme – cattive intenzioni –); “parole terchine” (parole misteriose o magiche); “parole sotte mataffe” (parole a doppio senso dette in modo impercettibile o incomprensibile); “parole sdrèuse” (parole incomprensibili e convenzionali); “chelore du cane acquànne fusce” (colore di cane quando…corre – colore incerto o senza gusto –).
Va ribadito quanto è stato detto in merito al ‘Nome’: se il sostantivo femminile precede l’aggettivo, tale sostantivo terminerà in ‘a’ e l’aggettivo in ‘e’ semimuto, anche se l’aggettivo ha una forma propria. Ad esempio “russe” (masch.), “rosse” (femm.), “femmina rosse” e “rossa fèmmene” (donna rossa); “bbona fèmmene” (bbuène”; masch.), “corte” (femm.), “curte” (masch.), “bbrutta bbèstie”, “bbèstia bbrutte”; “bbrutta facce”, “faccia bbrutte”.
Anche se gli aggettivi che si riferiscono a un nome femminile, sono più d’uno, essi terminano sempre in ‘a’, eccetto l’ultimo: “bbèlla garbata fèmmene rossa rossa gendile”.
Sia il sostantivo che l’aggettivo non devono subire mai l’interferenza di altre parti del discorso fra loro, altrimenti, l’aggettivo che precede il nome non prende più la ‘a’:
bbrutta bbèstie” e “iè bbrutte la bbèstie”.
Nel primo caso anche senza l’articolo si rileva il femminile, nel secondo è necessario l’articolo per determinare il genere, e, a causa dell’interferenza di altra parte del discorso (‘a’), non termina più in ‘a’.

Vi sono aggettivi che hanno una forma al singolare e un’altra al plurale: “vècchie” (sing.) – “vìicchie” (pl.); “stèrte” (masch. sing.) – “stìirte” (masch. pl.) – “storte” (femm. sing. pl.).
Come si è detto, l’aggettivo, preferibilmente, va posposto al nome: “mamma bbone” (in senso buono) – “bbona mamme” (cioè al contrario); “crestiàna bbone” (in senso buono) – “bbona crestiàne” (al contrario); “sanda mamme” (in senso buono) – “mamma sande” (si usa solo nelle preghiere e invocazioni); “mala carne” (pessimo soggetto); “maleiùrne” (cattivo giorno, con significato di cattivo soggetto): “o maleiùrne nge facìibbe cèrte trate de memòrie” (a quel pessimo soggetto gli ricordai le sue malefatte); “da chèdda malacàrne me facìibbe dà u u-òre ndrète” (da quella sciagurata mi feci restituire l’oro del fidanzamento); “bbuène fìgghie” (ottimo figlio) – “fìgghie bbuène” (solo nelle invocazioni); “scarpone vècchie” – “vècchie scarpone” (quest’ultimo, più adatto per allusioni a ‘donnaccia’); “palazze vècchie” e “vècchie palazze” si possono usare indifferentemente.
Non inconsueto l’uso dell’aggettivo sostantivo: “u sazie non grèt’o dessciùne” (l’uomo sazio non crede a chi è digiuno); “parle u granne” (parla il figlio maggiore).
Particolare l’uso degli aggettivi “bbèlle, alde” (bello, altro) e “bbuène”, adoperati con valore rafforzativo: “s’ha ffatte le bbèlle palazze” (è riuscito ad essere proprietario di molti palazzi); “s’ha ffatte le bbèlle solde” (è riuscito ad essere molto ricco); “vattinne tè iàlde” (vattene te altro); “vattinne cuss’olde” (vattene quest’altro); “u mannabbe o paìse de breggenèdde, attane e bbuène” (lo mandai al paese di pulcinella, padre e buono -nonostante fosse mio padre –). Infine l’uso di “tutte” con significato d’insieme: “u scettò a mmare che ttutte le rrobbe” (lo gettò a mare con tutte le robe – con tutti i vestiti –). Con lo stesso significato, ma con diversa disposizione del costrutto: “u scettò a mmare rrobb’e ttutte” (lo gettò a mare robe e tutto).  

L’Aggettivo qualificativo e i suoi gradi

L’aggettivo qualificativo esprime la qualità caratteristica di un nome in gradazione diversa. Può avere tre gradi: positivo, comparativo e superlativo.

Grado positivo: esprime la qualità pura e semplice di una cosa, di una persona nel suo basso grado, senza confronti con la qualità posseduta da altri sostantivi.
Esso è uguale sia in dialetto barese che nell’italiano: “Tarèse iè bbèlle”.

Grado comparativo: esprime la qualità posseduta da una persona, animale, cosa, in paragone con la stessa qualità posseduta da un’altra persona, altro animale o cosa.
Il comparativo può essere di maggioranza, di minoranza e di uguaglianza.

Il comparativo di maggioranza: indica che il grado della qualità attribuita a due persone, animali o cose, e poste a confronto, nell’una di esse è maggiore.
Si forma premettendo al primo termine l’avverbio “cchiù” (più), al secondo la preposizione “de” (di).
Se si tratta di due qualità, al primo termine “cchiù”, al secondo “ca” (che), ma di uso più raro: “u pulpe de pète iàve cchiù amore de cudde de paranze” (il polpo di scoglio è più saporito di quello pescato dalle paranze); “tu sì cchiù llurde ca besciàrde” (tu sei più lurido che bugiardo); “Tarèse iè cchiù bbèlle ca onèste” (Teresa è più bella che onesta – uso poco frequente –).
Molti popolani utilizzano anche un modo perifrastico: “Tarèse iè bbèlle assà, ma iè mmène l’onestà ca tène”; oppure meno complicato ancora, ma qui scompare il grado di paragone: “Tarèse iè bbèlle, ma nonn-è onèste”.
Il dialetto rifugge dalle costruzioni complicate e difficilmente fa il raffronto fra due qualità.

Il comparativo di minoranza: si esprime con “mène… de”, e meno frequente con “mène… ca”: “tu sì mmène fèsse de cudde” (tu sei meno fesso di quel – tale –)

Comparativo di uguaglianza: si esprime mediante una correlazione: “acchesì, come, tande, quande”: “la recchèzze iè ccome o vìinde” (la ricchezza è come il vento); “Marì tène nu core granne quand’o mare” (Maria ha un cuore grande quanto il mare).
Qualche volta si può notare la forma con “no mmène de…, no mmène ca…” (non meno di, non meno che), sulle labbra del popolano influenzato dalla lingua dotta; ma il popolino non l’userà mai.