Pronomi: possessivi, dimostrativi, indefini, relativi, interrogativi.

Pronomi possessivi
 

I pronomi possessivi sono identici agli aggettivi possessivi, questi sono sempre accompagnati da un nome, mentre, i pronomi da soli, fanno le veci di questo.

mio, miei:    – mia, mie:  
tuo, tuoi:    – tua tue:  
suo, suoi:    – sua, sue:  so
nostro, nostri: nèste  – nostra, nostre: noste
vostro, vostri:  uèste  – vostra, vostre: voste
loro: lore

Fràdeme, va bbène, ma u tù s’ammène nnanze pe non gadè” (e sia per mio fratello, ma il tuo anticipa i fatti tentando di modificare lo spirito di essi); “attàneme iè sciambaggnùule, e u tù iè strìitte de pìitte” (mio padre è festaiolo e largo di mano, e il tuo è avaro); “u munne mì iè mmègghie du tù. U tù, iè u munne de le chequìgghie” (…il tuo è il mondo delle chiacchiere), “u galessìire tù è ssciùte bbuène; o mì nge av’asscennùte la cùgghie” (il tuo cavallante è andato bene, al mio gli è venuta fuori l’ernia).

 – Si noti: essi assumono carattere neutro-collettivo, se usati al maschile, con l’articolo in posizione assoluta, (secondo grammatici come Tinto ed altri), vengono considerati, invece,
aggettivi sostantivi (per Lucchetti, Rossi), o sostantivi (per Trabalza Allodoli, Palazzi, Panozzo), mentre sono considerati pronomi (da Battaglia e Migliorini)
-.

U mmì” (il mio – avere –); “u ttù” (il tuo – avere, la tua proprietà -) ; “u ssù” (il suo – avere –): “u nnèste” (il nostro); “u uèste” (il vostro); “u llore” (il loro – la loro proprietà –); in questo caso, i possessivi, con valore di beni, proprietà e simili, raddoppiano sempre la consonante iniziale preceduta dall’articolo e non in altri casi: “u mmì iè u mì e non u tù” (io mio – avere – è mio e non il tuo). Come detto, il primo possessivo ha due ‘mm’ e il secondo, una ‘m’.
Al plurale “le mì” (i miei), “le tù” (i tuoi); “le sù” (i suoi); “le nèste” (i nostri), “le uèste” (i vostri); “le lore” (i loro).
Il ‘’ italiano può essere sostituito da “iìdde”, “ièdde”, “lore”; “da iìdde stèsse” (da sé stesso); “da ièdda stèsse” (da sé stessa”); “da lore stèsse” (da loro stessi).
Ne” (di lui, di lei, di loro); “non ne sacce nudde” (non ne so nulla – di lui –); “nom me ne parlànne” (non mi parlare – di lui –).

Pronomi dimostrativi

I pronomi dimostrativi più comuni sono identici agli aggettivi:

cusse” (questo, questi – sing. – costui)
cudde” (quello, quegli, colui)
chèsse” e  “chèdde” (questa e quella).
chisse” e “chidde” (questi e quelli) – queste e quelle, usati come soggetto e come complemento.

Cusse”, “chèsse” e “chisse”, per persone e cose vicine.
cudde”, “chèdde” e “chidde”, per persone e cose lontane.

Seguiti da “ddò” e “ddà”, “chèsse” e “chèdde”, fanno “chèssa ddò” e “chèdda ddà”, prendendo una ‘a’ finale.

Al ‘cotesto’ italiano, corrisponde, come detto, “cusse”, “chèsse” e “chisse”. Per indicare il neutro, il barese, usa “ciò”, identico all’italiano, con significato di ‘questa cosa’, ‘quella cosa’. Non si creda, quindi, “ciò” un italianismo. Esso sovente va accompagnato con la paricella “ca” (che): “ciò ca v’abbesògne” (quella cosa (quello) che vi serve).

Si evidenzia che “cusse”, “cudde”, “chèsse”, “chèdde”, “chìsse” e “chìdde” possono essere usati per persone vicine con significato spregiativo o ostile: “cudde, ci iè?” (quello, chi è?) – e la persona è presente -.

L’uso di “cudde”, per persona presente, è fortemente offensivo: “cudde iè n’òmmene de quàtte e ccìnghe nu solde” (quello è un uomo di quattro e cinque un soldo – cioè niente –).

Pronomi indefiniti

I pronomi indefiniti si può dire che siano l’opposto dei ‘dimostrativi’, e si riferiscono a persona o cosa non definita.

iùne” (uno, una, uni, une); “l’ùne e l’àlde” (gli uni e le altre / gli uni e gli altri / le une e le altre)
nessciùne” (nessuno)
oggn’e iùne” (ognuno); meno frequente: “oggnùne
nudde” (nulla, niente)
ciùnghe” e “chiùngue” (chiunque)
qualùnghe” e “qualùngue” (qualunque)
si usano per il maschile e per il femminile ed hanno solo il singolare;

ald’ùne” (oaldùne”), (un altro, altro uno), si adopera per il maschile e per il femminile singolare: “t’ha piaciùte u becchìire de mmìire?” – “sìne, damme n’aldùne” (ti è piaciuto il bicchiere di vino? – sì, dammene un altro), in altri termini “alde” (sing.) va sempre rafforzato da “une” (uno).
pedùne” (ciascuno); “facìte trè llìre a pedùne” (fate tre lire per ciascuno).
Nessciùne” e “nudde” nelle domande si usano con valore e significato corrispondente all’italiano ‘qualcuno’ o ‘cosa’: “si vvìste nessciùne de le frate mì?” (hai visto qualcuno dei miei fratelli?); “t’ammànghe nudde a ttè?” (ti manca qualche cosa?).
Invece di “nessciùne” è frequente l’uso di “nu crestiàne” – “iùne”, ecc. “no nge stève nu crestiàne”, “no nge stève iùne” (non c’era nessuno).

Pronomi relativi

Ca” (il quale, la quale, i quali, le quali): “la uaggnèdde ca s’ha spesàte”, “le pulpe ca si mangiàte” corrisponde , inoltre, ai pronomi relativi italiani: cui, a cui, da cui, con cui, per cui, al quale, con il quale, per il quale, con la quale, con i quali, per i quali: “la fèmmene ca te nammeràste, iè (o ha) partùte” (la donna di cui (della quale) t’innamorasti, è partita); “la fèmmene ca te dètte l’àcque ha cadùte” (la donna, che (la quale) ti dette l’acqua, è caduta).

Le risorse del dialetto, sono innumerevoli, per avere costruzioni tipiche. Diverse sono le sfumature sull’ampio argomento, ma trattandosi di un fatto marginale, basterà dare un altro esempio: “ècche la sobbrammòlle ca sì asscennùte” (ecco il biroccino dal quale sei sceso); “ècche la carròzze da ddò (da dove) sì asscennùìte”.

Ci” – più raro “ce” – (chi, colui il quale; colei la quale; coloro le quali, coloro i quali); “ci fatìche nom mange” (chi (colui il quale) lavora, non mangia, coloro i quali (non) lavorano, non mangiano); “mange” è usato al singolare, per dimostrare che il pronome si usa anche per il plurale: “a cci ssì (o “sì”) ffìgghie e strafìgghie” (a chi sei figlio e strafiglio).
In due soli casi di imprecazione si usa “chi” al posto di “ci“…a chi tt’è bbìve e a cchi tt’è strabìve” (a chi ti vive e ti stravive) e “…a chi tt’è mmù… e a cchi tt’è stramù…

Curioso l’uso dialettizzato del pronome “la quàle” (la quale), usato a sproposito, sia al maschile che al femminile, singolare e plurale, per pretesa finezza di linguaggio, ma del tutto incomprensibile. “Iìdde stève m-mènz’a ttande amìsce, la quàle, non avèv’a dìsce cèrte paròle”, “stèvene fore da la case, la quàle, s’avvecenòrne nu sacche de ggènde”, “nonn-ève pe la quàle”.
L’uso di tale sproposito, generalmente, è fatto da quel tale che ha l’aria di “iì sò ggeràte (o “aggeràte”) u munne”, persona che ha un certo ascendente o chi con sussiego presume di mettere un po’ di pulizia nel discorso.

Pronomi interrogativi

I pronomi relativi che si adoperano nelle interrogazioni sono:
ci” (chi); “ce” (che, che cosa); “quàle” (quale, quale cosa – per indicare qualità –); “quànde” (quanto – per persona e cose –): “Ci vol’òve?” (chi vuole uova?); “ce vvole?” (che cosa vuole?); “quànde goste?” (quanto costa?); “quàle iè cchiù bbèlle de cudde?” (quale è più bello di quello?).

Ce”, il più delle volte, si sente forte davanti a termini che hanno la prima sillaba accentata: “cce ccose iè?”, “cce vvole”, ma fa “ce velève?”; in “cce iè” (“cce iiè”), il suono della ‘i’ è liquido come quello francese, mentre è normale in “cce ccose iè”.