Verbo Ausiliare Èsse (Essere)

INDICATIVO
Presente
Io sono – Iì sò  (“iì songhe”; “sonde”; arc.)
Tu sei – Tu sì  (“tu sìinde”; “sìnghe”: arc.)
Egli è – Iìdd’è (o iìdde iè) (vedi ‘i’ epentetica)
Noi siamo – Nù sìme
Voi siete – Vu sìte
Essi sono – Lore sò  (“sonde”: arc.)
– La terza persona singolare dell’indicativo ‘è’ vuole sempre la ‘i’ prostetica nei casi previsti, anche quando precede participi passati o predicati nominali. Eccezione: quando è accompagnata da “state” – “muèrte” – “fatte”: “è state Colìne”, “è mmuèrte”. Preceduta da ci e da ce – ‘è’ – si può apostrofare soltanto nei casi: “cc’è state?” (chi è stato?), “cc’è mmuèrte?” (chi è morto?), e non, per. es., con “fatte”, “ce ha ffatte?” (che cosa ha fatto?). Ma il più delle volte fa: “ce iè?” o “ci iè?” (che cos’è?, chi è?), “iè stetàte” (è spento), “iè rrutte” (è rotto), “ci iè u ladre?” (chi è il ladro?) –

Passato prossimo
Io sono stato – Iì sò state
Tu sei stato – Tu sì state
Egli è stato – Iìdd’è state
Noi siamo stati – Nù sìme state
Voi siete stati – Vu sìte state
Essi sono stati – Lore sò state (“sonde state”: arc.)

Imperfetto
Io ero – Iì ière  (o iève o ère o ève)
Tu eri – Tu iìre (o iìve o ìre  o ìve)
Egli era – Iìdde ière (o iève o ère o ève)
Noi eravamo – Nù ièreme (o ièveme o èreme o èveme)
Voi eravate – Vu iìreve (o iìveve o ìreve o èreve)
Essi erano – Lore ièrene (o ièvene o èrene o èvene)

Trapassato prossimo
Io ero stato – Iì ière state (o iève o ère o ève)
Tu eri stato – Tu iìre state (o iìve o ìve)
Egli era stato – Iìdde ière state (o iève o ère o ève)
Noi eravamo stati – Nù ièreme state (o ièveme o èreme o èveme)
Voi eravate stati – Vu iìreve state (o  iìveve o ìreve o èreve)
Essi erano stati – Lore ièrene state (o ièvene o èrene o èvene)

Passato remoto
Io fui – Iì fùubbe (“fùubbeche”, rarissimo)
Tu fosti – Tu fùuste
Egli fu – Iìdde fu (o “fò”, raro)
Noi fummo – Nù fumme
Voi foste – Vu fùusteve
Essi furono – Lore fùrene (o “forne” – desinenza abituale dei verbi di 1ª coniugaz.: poco usato)

Trapassato remoto
(il trapassato remoto è, di per sé, raro in dialetto, ma specie questo del verbo ‘essere’ è rarissimo)
Io fui stato – Iì fùubbe state
Tu fosti stato – Tu fùuste state
Egli fu stato – Iìdde fu state
ecc…

Futuro
Io sarò – Iì àgghi’a ièsse
Tu sarai – Tu ha da ièsse
Egli sarà – Iìdde av’a ièsse
Noi saremo – Nù avìm’a ièsse (o am’a ièsse)
Voi sarete – Vu avìt’a ièsse
Essi saranno – Lore avònne (o honn’a ièsse, ecc.)

Futuro anteriore
manca

IMPERATIVO
Presente
Sii tu – Sì tu (ind. pres.)
Sia egli – Fosse iìdde (imperf. cong.)
Siamo noi – Sìme nù (ind. pres.)
Siate voi – Sìte vu  (ind. pres.)
Siano loro – Fòssere lore (imperf. cong.)

CONGIUNTIVO
Presente
(manca di forma propria – provvede imperfetto congiuntivo)

Passato
(manca di forma propria – provvede trapassato del congiuntivo)

Imperfetto
Che io fossi – Ca iì fosse (raramente “fòsseche”)
Che tu fossi – Ca tu fùusse
Che egli fosse – Ca iìdde fosse
Che noi fossimo – Ca nù fòsseme
Che voi foste – Ca vu fùusseve (raramente si sente anche l’errato “fùusseve”: pass. rem. ind.)
Che essi fossero – Ca lore fòssere

Trapassato
Che io fossi stato – Ca iì fosse state
Che tu fossi stato – Ca tu fùusse state
Che egli fossi stato – Ca iìdde fosse state
Che noi fossimo stati – Ca nù fòsseme state
Che voi foste stati – Ca vu fùusseve state
Che essi fossero stati – Ca lore fòssere state
(nel tempo composto appare un’altra voce: “fòssene”, che nel tempo semplice non si ha: “ca lore fòssene state”).

CONDIZIONALE
Presente
(manca di forma propria – provvede imperf. cong.)
Io sarei – Iì fosse
ecc…

Passato
(manca di forma propria – provvede trapass. cong.)
Io sarei stato – Iì fosse state
ecc…

INFINITO
Presente
essere – èsse (o ièsse)

Passato
essere stato – èsse state (o ièsse state)

PARTICIPIO
Presente
ente – essènde (rarissimo)

Passato
stato – state

GERUNDIO
Semplice
essendo – essènne (o assènne)

Passato
essendo stato – essènne state (o assènne state)
Si veda come si manifesta la ‘i’ prostetica. 
Se per i tempi composti si usano ora l’ausiliare “èsse” ora “avè”, per il futuro l’ausiliare “avè” è tassativo.
– Il verbo “stà” (stare), oltre a dare il participio passato al verbo “èsse” (cioè “state”: stato), si può considerarsi come un terzo ausiliare.
Ciò si può verificare nel caso debba precedere un participio passato in funzione di aggettivo: “stà stetàte” (è spento), “stà cherquàte” (è coricato), “stà abbronzàte” (è abbronzato), “stà bbrutte” (è grave), “stà accepenàte” (è ai ceppi), “stà attrassàte” (è in ritardo, non è aggiornato), “stà gràvete” (è incinta), “stà cuètte” (è stanco morto, è cotto), “stà affedàte” (è fidanzata), “stà apparolàte” (è stata chiesta in isposa, è in parola con…) -.
Se l’aggettivo non proviene da un verbo, allora è richiesto il verbo “èsse”: “iè sscème”, “iè bbèlle”, “iè ffèsse”, “iè ggiòvene”.
Quando ha funzione del verbo “avè”: “stà bevùte” (ha bevuto), “stà parlàte” (ho parlato).
Quando ‘è’ è sottintesa: “stà fatte” (o “stè fatte”) (è stato fatto, ma anche: l’ho fatto).
Con altri significati: “stà muèrte” (è stanco morto), “stà accìse” (sta molto male, non è in floride condizioni), “stà bbuène” (sta benissimo), “stà ggnore” (è arrabbiato).
Altre caratteristiche costruzioni: “stogghe despiaciùte” (part. pass.: sono contrariato), “stogghe avvertènde” (part. pass.: sono sul chi vive), però “statte avvertènde” (sta accorto, ti consiglio di stare attento) e “stà” non sostituisce più il verbo “èsse”.