Vocali fenomeni della u

L’ “u” davanti a parole che iniziano con (b), le raddoppia quasi tutte, quando l’accento cade su una delle vocali della prima sillaba: u bbagne (il bagno), u bballe (il ballo), u bbrote (il brodo).

Davanti a parole comincianti con (c), di solito l’ “u” non raddoppia le consonanti iniziali della parola che precede, salvo qualche rara eccezione come: u ccose (il cucire), u ccalde (il caldo), u ccuètte (il vincotto), ecc. Generalmente fa: u calge (il calcio) u cane (il cane), u cèmece (la cimice), u cadde (il callo), u cuèche (il cuoco), ecc.
U” davanti a parole che iniziano con (d) non la raddoppia: u dade (il dado), u dènde (il dente), u danne (il danno), u dazzie (il dazio). Però fa u ddinde (l’insieme degli ingredienti che s’inseriscono nel pollo, vale a dire, tutto quello che di pregiato vi è nell’interno di qualcosa, specie da mangiare).

L’ “u” davanti a parole incomincianti con (f) non raddoppia questa consonante eccetto casi rari come: u ffuèche (il fuoco), u ffriscke (il fresco) per distinguerlo da u friscke (il fischio), u ffà (il fare). Per il resto, la (f) rimane scempia: u figghie (il figlio), u fare (il faro), u fame (il falò), ecc.

L’“u”, incontrando parole che iniziano con (g) seguìta da vocale accentata della prima sillaba, prevalentemente la raddoppia: u ggasse (il gas), u ggote (il godere), u ggiglie (il giglio), u ggire (il giro), generalmente fa: u gobbe (il gobbo), u grate (il grado), u gange (il gancio), u gufe (il gufo).

L’ “u” con parole che iniziano con (l), non raddoppia la consonante salvo casi come: u llatte (il latte), u llarde (il lardo), ecc., mentre fa generalmente: u lupe (il lupo), u lazze (il laccio, il lazo), u lìitte (il letto); u lèche (fondo rustico); ecc.

L’incontro “u” > (m): se si eccettua u mmìire (il vino), u mmèle (il miele), u mmègghie (il meglio, «sostantivo»), u mmìnie (il minio, ossido di piombo di color rosso scarlatto), u mmì (il mio «sostantivo»). Per il resto mantiene la consonante scempia: u mare (il mare), u masce (il maggio), u mèste (il mastro), u mazze (il mazzo), ecc.

Per l’incontro “u” > (n), vale quanto detto prima. Pochissime le eccezioni: u nnéve (il nuovo), in prevalenza, mantiene la consonante scempia.

Lo stesso fenomeno lo notiamo, per l’incontro “u” > (p), eccettuati u ppane (il pane), u ppèpe (il pepe), u ppicche (il poco), in prevalenza mantiene la consonante scempia.

Altrettanto per “u” > (q), eccetto u qqu (cu), non si hanno altri raddoppiamenti.

Per l’incontro “u” > (r), abbiamo rafforzamenti in u rrè (il re), «u ré, con l’accento acuto, è la nota musicale»; u rrite (il ridere), «u rite, è il rito», u rrusse (il rosso – colore –), «u russe è il rosso malpelo o cosa di tale colore», u rrutte (il rotto «sostantivo»), «rutte si usa solo come aggettivo», per il resto conserva la consonante scempia.

La (s) seguìta da vocale accentata della prima sillaba, preceduta dalla “u”, non raddoppia: u salme (il salmo), u sckife (lo schifo); u sande (il santo), u surde (il sordo), ecc.
Non pochi però sono i casi in cui si ha raddoppio iniziale: u ssale (il sale), u ssalze (il salso), u sscème (lo scemo), u ssanghe (il sangue), ecc.

Nell’incontro di “u” > (t), tolti u tticche (il tic), u ttarde (il tardi «sostantivo»), u ttunne (il tonno), u ttù (il tuo «sostantivo»), si ha la (t) scempia anche quando ha funzione di aggettivo possessivo: cusse cane iè u tù? (questo cane è il tuo?).

L’incontro “u” > (v), eccetto u vvèrde (il verde «sostantivo»); (vèrde è sempre in funzione di aggettivo) e u vvì (la lettera “v”), il resto mantiene scempia la consonante iniziale della parola: u vì (lo vedi), u vìinde (il vento).

La “u” rafforza la (z) iniziale di parola: u zzère (lo zero); u zzinghe (lo zinco), eccetto u zèppe (lo zoppo), u zippe (il bastoncino), u zingre (lo zingaro), u zambe (il furto).