1 – Gli errori più comuni

La presente pagina, e le altre che susseguiranno, vuol essere una breve guida nell’evidenziare gli errori più comuni che si commettono, per distrazione, per fretta o per disinformazione quando si scrive, in lingua barese. Questi errori sono stati notati in testi poetici e di prosa, in articoli di quotidiani, periodici, riviste, titoli di farse e commedie; finanche su insegne commerciali, in alcuni siti web, in modo particolare su facebook. 

L’intento non è disapprovazione per chi si diletta a scrivere il barese ma, va tenuto conto che nella lettura di essa si riscontrano tante maniere diverse di scrivere la stessa lingua barese.

Grazie alla pubblicazione dell’autorevole volume «Il Dialetto di Bari» (Guida alla grammatica) dello storico, demologo e linguistaAlfredo Giovine a cura di Felice Giovine e con gli studi permanenti dell’ «Accademia della Lingua Barese Alfredo Giovine”», oggi si può scrivere ordinatamente con regole grammaticali disciplinando in un’unica scrittura, semplice e uniforme.

Per comodità del lettore, si è pensato di presentare il vocabolo, la locuzione o la frase, scritta prima in lingua barese corretto ingrassetto, tra virgolette alte  “ ” ,  seguito dalla trascrizione in italiano  in corsivo tra parentesi  ( ). Mentre gli errori vengono evidenziati tra virgolette basse – «» -, preceduti da – e no – o – peggio ancora – in grassetto. 

1) “Abbassce a la marine”: (Giù alla marina); e no: «Abbasc a’ la marine».

2) “BBèlle bbèlle”:  (Calmati); e no: «Bell bell».

3)  “La cape du turchie”: (La testa del turco); e no: «La cap’ du turch»; peggio ancora: «Kape du turk».

4) “Diauuìcchie”: (Peperoncino); e no: «diauichk».

5)  “E iùne!…decì cudde ca cecò l’ècchie a  la megghière”: (E uno! disse quello che accecò l’occhio alla moglie); e no: «E jun!…dcì cudde ca c’co l’ecchie alla mgghiere».

6) “Facimece u sègne de la crosce”:  (Facciamoci il segno della croce); e no: «Facimmece u  segn d’la croce».

7) «Gatto rosso»: Gatterusse; e no: Gatt’russ’.

8) «Io sono di Bari»: Iì sò de BBare; e no: I’ sò d’ Baar; peggio ancora: Ij’ sò de Bàààre.

9) «Arco Basso»: Iàrche Vassce, e no: Jarche Vasce.

10) «Capitomboli»: Cazzecùmmere; e no: kazzkùmm.

11) «La gallina fa le uova e al gallo gli brucia il deretano»: La gaddine fasce l’ove e o gardìidde ngi-abbrùsce u cule; e no: La galline fasc l’ove e o galle g’abbrusc ’u cule.

12) «Adesso basta!»: Mò avaste!; e no: Mo avast.

13) «Non si capisce più niente…la Gazzeeeetta»: Non z’accapìssce cchiù nudde… la Gazzèèètte; e no: Non s’accapisce ’cchiù nudd’… la Gazzeeettt.

14) «Al macello»: O macìdde; e no: O’ macijedde.

15) «Pasta e fagioli»: Past’e fasule; e no: Past-e-fasule.

16) «Quanto è vero la Madonna»: Quanne iè vvère la Madonne; e no: Quand’jè vvera la  Madonna.

17) «Ragioniere mio»: Ragionìire mì; e no: Ragionijre mij.

18) «Folletti casalinghi»: Scazzamerìgghie e monacìidde; e no: Scazzamerrìgghje e monaciedd.

19) «Ciambelle con zucchero»: Taralle cu zzuccre; e no: Tarlle cu zzuch.

20) «Il sedano»: U u-àcce, e no: Uacch.

21) «Macellaio, beccaio»: Veccìire; e no: Veccìere.

22) «Specie di passatella»: Zembarìidde, e no: Zumbarìedde, e no: Zembariedde.

Per chiarimenti grammaticali: La lèngua noste